Agenda

Agenda degli eventi del Forum

Share
Nov
21
Gio
Festa dell’albero 2019 @ Parco Farneto (Boschetto)
Nov 21@15:00–16:30
INVITO Festa dell’Albero
Legambiente Trieste
Programma
21 Novembre 2019
PIAZZALE GIOBERTI
Ore 15 piantumazione di uno dei venti alberi donati dall’ associazione il Ponte al rione di S Giovanni
ore 15.10 allegro girotondo dei bambini della scuola dell ‘infanzia Finzi Grego
ore 15.20 lettura del messaggio amico albero amico di vita da parte delle classi v della scuola primaria Suvic
ore 15.30 letture sotto l’albero a cura dell’associazione l’una e l’altra per raccontare la storia e l’importanza degli alberi
25 Novembre 2019
PARCO FARNETO – AREA GIOCHI PIAZZALE
FERDINANDEO
ore 9.30 messa a dimora di 10 piccoli alberi donati dal Circolo Legambiente Trieste, a seguire, passeggiata botanica in Parco Farneto (Boschetto) e Giardino Pubblico Muzio de Tommasini, con la partecipazione degli studenti dell’Istituto Statale Deledda Fabiani.
Festa dell’Albero
Legambiente Trieste
in collaborazione con la 6^Circoscrizione
 Portiamo verde e bellezza nelle città piantando nuovi alberi. Nei giardini delle scuole, nei parchi pubblici, nelle aree abbandonate al degrado”.
Questo l’appello di Legambiente in occasione della Festa dell’Albero 2019 che si svolgerà anche a Trieste come ogni anno il 21 novembre. Sono previsti piantumazioni al Boschetto e in Piazzale Gioberti e Girotondo con i bambini delle scuole
Ogni anno il 21 novembre si celebrano gli alberi e il loro indispensabile contributo alla vita. Assorbono anidride carbonica e restituiscono ossigeno, proteggono la biodiversità, hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico. Insieme ai giovani e giovanissimi studenti delle scuole italiane mettiamo a dimora giovani alberi per riqualificare aree degradate e per fare più belle e verdi le nostre città.
Questo l’appello lanciato a livello nazionale da Legambiente che a Trieste attraverso la propria sezione locale promuove – in collaborazione con la VI Circoscrizione – il consueto incontro, assieme ad alcune altre associazioni del territorio sensibili al problema ambientale: Legambiente Trieste, BIOEST, Il Ponte, Proloco San Giovanni Cologna, Luna e L’altra .
Nel pomeriggio del 21 novembre alle ore 15, in Piazzale Gioberti verrà messa a dimora una decina di piante in una piazza che da anni ha conosciuto solo asfaltature donate dall’associazione il Ponte . Un piccolo segnale per ricordare a tutti l’importanza degli alberi nel paesaggio urbano, soprattutto in tempi di cambiamenti climatici che rendono le nostre città sempre più calde e afose.
All’appuntamento Interverrà il gruppo Luna e L’altra con letture sotto l’albero e per festeggiare i nuovi alberi, i bambini delle scuole materne di S Giovanni li cingeranno in un allegro girotondo.
Al mattino del 25 novembre alle ore 9.30 ,nel “Boschetto” di Trieste i volontari di Legambiente assieme ai ragazzi delle scuole primarie piantumeranno qualche decina di alberi in sostituzione di quelli abbattuti negli scorsi anni con la collaborazione del Settore del Verde Pubblico del Comune di Trieste.
Share
Farine DES Friûl di Mieç a Fagagna @ Museo della vita contadina - Cjase Cocèl
Nov 21@20:30–23:00

La farina D.E.S. Friûl di Mieç: un prodotto Buono, Pulito e Giusto!
Serata con il biologo nutrizionista Andrea Maccioni e i laboratori di “Pan e Farine”

 

Share
Nov
22
Ven
Servizi ecosistemici e gestione transfrontaliera dell’Isonzo @ Sala Dora Bassi
Nov 22@17:30–19:00

Nell’ambito del progetto “Gli ecosistemi e le acque dell’Isontino” finanziato dalla campagna Io Sì di Coop Alleanza 3.0, terzo incontro per sensibilizzare e promuovere la tutela dei corsi d’acqua del territorio in cui si parlerà del fiume Isonzo-Soča con la presentazione di due tesi di laurea.

INTRODUCONO
Francesco Marangon – Università di Udine
e Luca Cadez – Legambiente Gorizia

– LA VALUTAZIONE DEI SERVIZI ECOSISTEMICI NELL’AREA DEL FIUME ISONZO-SOCA – Alessio Frezza

– GESTIONE E PROTEZIONE DEI FIUMI TRANSFRONTALIERI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE – Jessica Scodro

Share
Parliamo di Clima @ Sede Ass. Musicale S. Gaggia
Nov 22@20:30–22:00

 

COME CONTRASTARE LA CRISI CLIMATICA E ADATTARSI A QUELLO CHE CI ASPETTA

con particolare riguardo al Friuli Venezia Giulia

ne parleremo con ROBERTO PIZZUTTI

La serata si aprirà con qualche breve filmato o slide come introduzione

Share
Nov
29
Ven
4° SCIOPERO GLOBALE: Block The Planet, Block Climate Change!
Nov 29@8:00–17:00

evento in via di definizione

15 marzo
24 maggio
27 settembre

Dopo TRE #scioperi che hanno coinvolto più di UN #MILIONE di persone in #Italia, è arrivato il momento di un’innovazione:
Al prossimo sciopero, il #29novembre, la #politica nazionale e internazionale sarà costretta ad ascoltarci sul serio!
Abbiamo uno slogan in mente: BLOCK THE PLANET, BLOCK CLIMATE CHANGE!‼️
Nel giorno del #BlackFriday, simbolo del consumismo e di un modello di sviluppo insostenibile, bloccheremo il pianeta per pretendere azioni concrete contro il cambiamento climatico.
Vuoi unirti a noi? Hai bisogno di formazione!
Scrivici in privato, ti spiegheremo tutto quanto!

#FridaysForFuture #4strike #climatechange #fff #Fffitalia #bethechange #blocktheplanet #future

Share
QUARTA MOBILITAZIONE GLOBALE!!! Pordenone @ Capitol
Nov 29@9:00–14:30

QUARTA MOBILITAZIONE GLOBALE!!!

9:00/12:00 Capitol – Incontro con Maurizio Pallante e attività di Fridays for Future SU PRENOTAZIONE!!!
(consigliato per le scuole superiori: chiedete ai vostri insegnanti di accompagnarvi!!! Faremo comunque girare circolari) costo entrata: €3/persona

12:00/14:30 Via Mazzini (P.tta Cavour) Presidio e flash mob (se ci fossero ragazzi volenterosi di parlare in pubblico/fare un discorso su ciò che sta succedendo all’ambiente, scriveteci)

Per maggiori informazioni scriveteci un messaggio, una mail (fridaysforfuture.pn@gmail.com) oppure al numero 3456182183!!

 

Share
Insieme per il Rojava @ Progetto Gaia Terra
Nov 29@17:30–22:30

Un evento per condividere informazioni ed emozioni su quanto sta accadendo nei territori della Siria, con uno sguardo speciale verso il popolo curdo. A guidarci in questo viaggio tra passato, presente e possibili futuri il ricercatore-attivista Federico Venturini e l’antropologa-attivista Eleanor Finley, che apriranno l’evento con una panoramica sul quadro geopolitico attuale.

Per nutrire mente e corpo seguirà una cena vegana, preparata con prodotti biologici locali da Gaia Terra.

La serata si concluderà con la visione del film “Binxet – Sotto il confine”.
link film: https://www.openddb.it/film/binxet-sotto-il-confine/

Sarà un’occasione per cercare insieme una via per essere solidali ai popoli oppressi in difesa di valori universali come la democrazia, il femminismo e l’ecologia.

L’evento è stato pensato come raccolta fondi per sostenere l’associazione Mezzaluna Rossa del Kurdistan, attualmente impegnata a fronteggiare l’emergenza umanitaria nel Nord-Est della Siria. Sarà quindi gradita una donazione

Mezzaluna Rossa Kurdistan Italia è un’associazione senza scopo di lucro, nata come diramazione italiana dell’associazione Heyva Sor a Kurdistanê, la più grande organizzazione umanitaria per il Kurdistan, attiva in Germania dal 1993.

MASSIMO 20 PARTECIPANTI
cena + film 15 euro

Share
Dic
1
Dom
PREMIAZIONE DELLA 3° EDIZIONE DEI CONCORSI “EUGENIO ROSMANN” PER GIOVANI LAUREATI E “POPULUS ALBA” PER LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI @ Teatro di Monfalcone
Dic 1@17:00–20:00

L’Associazione Ambientalista “Eugenio Rosmann” presenta domenica 1 dicembre 2019, alle ore 17.00 presso il Teatro di Monfalcone in Corso del Popolo 20, l’evento di premiazione della terza edizione dei concorsi “Eugenio Rosmann” dedicato a giovani neolaureati in materie ambientali e “Populus Alba”, dedicato alla memoria del dott. Fabio Perco e riservato a pubbliche amministrazioni che si siano distinte in buone pratiche in difesa del territorio e della natura.
La terza edizione segna un’ulteriore crescita di questo appuntamento annuale proposto dall’associazione ambientalista monfalconese , non solo per il numero di tesi di laurea in grande aumento rispetto alle edizioni precedenti, ma anche perché vuole rivolgersi a un pubblico ampio, un vero galà dell’ambiente nel quale i giovani studiosi si confronteranno con gli amministratori pubblici più virtuosi, accompagnati da performance di musica e video.
I premi per gli studenti sono costituiti da un assegno per il primo e il secondo classificato, mentre un’opera artistica del maestro Cristiano Leban sarà consegnata alla Pubblica amministrazione selezionata. I premi per i neo-laureati sono realizzati grazie al contributo dell’Associazione Ambientalista “Eugenio Rosmann”, della Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse e del Comune di Monfalcone.
I concorsi hanno ottenuto il patrocinio dei Comuni di Gorizia e Monfalcone, di IRIS Acqua, dell’ATER di Gorizia, dell’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia, dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Gorizia, dell’Istituto Nazionale di Urbanistica del Friuli Venezia Giulia, del Centro visite Lago di Pietrarossa, del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico di Duino, della Rivista Isonzo-Soča di Gorizia e delle associazioni Club Alpino Italiano di Monfalcone, GREF – Gruppo Regionale Esplorazioni Floristiche di Udine, CO.NA. di Staranzano, Scienza under 18 di Monfalcone, Lapis di Santa Maria la Longa, DELTA – Delfini e tartarughe dell’Alto Adriatico, Arte Scienza e Benessere di Pordenone, il Gruppo Speleologico Monfalconese “Amici del Fante”, Sos Carso di Trieste e dell’Associazione ECOPARK – AESON. Aderiscono all’iniziativa l’azienda agricola la Dulina di Begliano, il Parco rurale Alture di Polazzo e il Caffè Maritani di Monfalcone e Staranzano. Fondamentale la collaborazione di Alce graphics.
Le tesi in concorso quest’anno sono più di trenta ed offrono un’interessante rassegna di questioni ambientali che più incidono sul territorio nazionale e non solo. Numerosi gli studi riguardanti la fauna, dal camoscio alpino nella Riserva naturale dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa, alla sovrapposizione di nicchia tra sciacallo dorato e volpe nel Carso Goriziano, agli anfibi alpini del Trentino, gli ungulati selvatici in Friuli Venezia Giulia, le tartarughe marine e il loro orientamento tramite il campo magnetico terrestre. Molto presente il tema del cambiamento climatico: sono state analizzate le relazioni con l’Antartide, il Sud America, l’impatto del riscaldamento sugli uccelli d’alta quota, per poi approfondire i problemi dell’inquinamento nella “terra dei fuochi”, gli agenti inquinanti nei suoli e la tempesta VAIA del 2018. Sono state inviate anche alcune tesi in materia di pianificazione urbanistica sulla riqualificazione delle città con un’ottica di sostenibilità, nelle realtà di Napoli, Mestre – Venezia ed un’analisi della flora della città di Milano.
La serata sarà aperta dalla performance “Suoni della natura” del musicista Simone Blondeau, proseguiranno la UWC Adriatic Band dei giovani del Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico diretti dal maestro Stefano Sacher, il Coro del Club Alpino Italiano di Monfalcone e Idee in coro accompagnati dal maestro Roberto Lizzio e concluderà il violino di Simone d’Eusanio che si fonderà con le immagini aeree della Riserva naturale carsica dei Laghi di Doberdò e Pietrarossa e del Centro visite Pietrarossa.
Nella stessa serata sarà assegnato anche il premio “Populus alba”, dedicato alle pubbliche amministrazioni che si siano distinte nell’abito del Nord Est nella tutela del loro territorio e segnalate dalla stessa Commissione giudicatrice del concorso. Il premio, per questo concorso, sarà una scultura dell’artista del territorio Cristiano Leban, realizzato con il contributo della COOP Alleanza 3.0- Zona Isontino – “Progetto tutela acque”.
Anche in questo caso si è potuta osservare una gamma di buone pratiche, dai Comuni che sostengono le riserve Regionali naturali, al recupero di una vecchia funivia per dare spazio ad un museo fotografico che illustra il surriscaldamento del globo e lo scioglimento dei ghiacci, la predisposizione di nuove tratte ferroviarie per l’utilizzo del mezzo pubblico in alternativa a quello privato, anche in un’ottica di intermodalità bici-treno. E ancora la costruzione di un polo scolastico concepito all’insegna del risparmio energetico, della sostenibilità ma soprattutto del benessere degli alunni, seguendo i criteri di bioarchitettura, e due realtà che hanno operato per ricostruire le foreste perdute dopo la tempesta VAIA.
Nell’ambito della sera verranno consegnati anche i contributi raccolti per la causa “Aiutiamo l’azienda agricola biologia la Dulina di San Canzian d’Isonzo a riacquistare la motozappa rubata”.
Inoltre il professor Stefano Fantoni – già direttore della SISSA di Trieste – presenterà il progetto ESOF 2020, Trieste capitale europea della scienza, un importante appuntamento che nel prossimo mese di luglio porterà il nostro territorio al centro del dibattito tra scienza, tecnologia, società e politica.

Share