Agenda

Agenda degli eventi del Forum

Share
Ott
1
Sab
Presentazione libro “Lungo la rotta Balcanica” @ Circolo Misskappa
Ott 1@19:00–22:00

rottaPresentazione del libro
LUNGO LA ROTTA BALCANICA,

Viaggio nella storia dell’umanità del nostro tempo
di Anna Clementi e Diego Saccora

serata a sostegno di Ospiti in Arrivo onlus
—-
Il racconto di un viaggio lungo quella rotta balcanica che dal 2015 rappresenta la porta d’ingresso all’Europa e per la quale sono transitate oltre un milione di persone. Un viaggio nel fango dei campi profughi, in mezzo a donne e bambini incatenati dalla burocrazia; tra le reti e i muri che hanno reso di nuovo l’Europa un continente diviso e ostile; tra sogni che s’infrangono contro la dura realtà fatta di respingimenti e di campi di raccolta in Grecia e in Turchia e in qualunque altro Paese non faccia parte dell’Unione europea.

Dall’Italia alla Grecia, passando per Austria, Slovenia, Croazia, Serbia, Albania e Macedonia, spostandosi solo con mezzi pubblici, per incontrare e dare voce ai vissuti di donne e uomini, protagonisti di una fondamentale pagina nella Storia dell’Umanità del nostro tempo.

Questo libro “si inserisce nello sforzo di raccogliere quante più storie possibile perché rimangano oltre la cronaca destinata all’oblio. Perché nessuno merita d’essere dimenticato”. (Lorenzo Trombetta)

GLI AUTORI
Anna Clementi
è operatrice e mediatrice linguistico-culturale presso il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati di Venezia. Ha vissuto per alcuni anni in Siria e in Palestina occupandosi di giornalismo e collaborando con associazioni e organizzazioni non governative. Dal 2012 segue le rotte dei migranti
provenienti dalla Siria ed è attiva in varie reti locali che si occupano di Medio Oriente e di immigrazione.

Diego Saccora
dal 2010 è operatore sociale all’interno del sistema di accoglienza del Comune di Venezia  nell’ambito dei minori stranieri non accompagnati. Tutore legale, è attivo nell’associazionismo in diverse realtà con progetti locali rivolti all’autonomia dei neo-maggiorenni e richiedenti protezione internazionale oltre al sostegno di iniziative a favore dei giovani in Bosnia Erzegovina.

Share
Gen
19
Gio
Echoes of Ecologies @ Libreria la Tarantola
Gen 19@17:30–19:30

BRASILE, ARGENTINA, PARAGUAY E BOLIVIA:
9000 KM DI RICERCA, UN BLOG IN TRE LINGUE  PER RACCOGLIERE LE VOCI DI CHI SI DEDICA ALLA SOSTENIBILITA’ ECOLOGICA E SOCIALE

“Echoes of Ecologies è un progetto indipendente, sviluppatosi durante quattro mesi in Sud America, nato dal nostro modo di vivere, dagli studi, dalle passioni, ma anche preoccupazioni, per l’ambiente ed i suoi abitanti… per conoscere storie e pratiche di sostenibilità ecologica e sociale….
Così abbiamo deciso di mettere da parte le teorie, fare gli zaini e partire… per scoprire e narrare chi sta già contribuendo a questo cambio…”

La Libreria Tarantola presenta
l’incontro narrativo fotografico “Echoes of Ecologies”
a cura di Giulia Lepori (linguista) e Michał Krawczyk (antropologo)

Inaugurazione giovedì 19 gennaio dalle ore 17:30
A termine serata degustazione conviviale

INGRESSO LIBERO
Esposizione fotografica visitabile fino al 10 febbraio

FB: Echoes of Ecologies
BLOG: https://echoesofecologies.noblogs.org/
MAIL: echoesofecologies@inventati.org

Share
Mar
13
Mer
“I precursori della decrescita”. FOURIER, Un pensiero controcorrente @ Palazzo Frisacco
Mar 13@20:30–22:30

IL TEMA

Il pensiero e le opere di Fourier (insieme a Saint-Simon,Owen e altri) è passato alla storia delle idee con l’etichetta, coniata da Marx, di “socialismo utopistico”, per distinguerlo dal suo “socialismo scientifico”.

L’opera di Charles Fourier (1772-1837) sviluppa una filosofia della ricchezza e una critica dell’industrialismo e del commercio che prefigurano gli eccessi dell’economia di mercato e anticipano la riflessione socialista. Leggere il suo pensiero alla luce di una problematica – la decrescita – che gli è in parte estranea, si rivela quindi attività, feconda, che consente di esplorarne una parte finora non indagata, quella della critica  critica controcorrente del “capitalismo termo-industriale”.

Chi è Angelo Floramo

Insegna Storia e Letteratura al Magrini Marchetti di Gemona ed è ancora convinto che malgrado tutto sia il mestiere più bello del mondo. Medievista per formazione, ha pubblicato molti saggi e articoli specialistici, collabora con diverse riviste nazionali ed estere; dal 2012 collabora con la Biblioteca Guarneriana di San Daniele del Friuli in veste di consulente scientifico.

.

Perché conoscere “I Precursori della Decrescita”?

 

“Quel tanto che a bere basta, ed a mangiare e a vestire,

Cercalo pure, ché in questo ancor sei scusato.

Ma il resto tutto è vano, e vuoto, e tu bada bene

A non venderti via la vita preziosa per questo.”

Omar Khayyam (1048-1141)

 

Con queste quattro strofe, Omar Khayyam (1048-1141) può essere  a pieno titolo annoverato fra i “Precursori” della decrescita” , titolo della collana Jaca Book diretta da Serge Latouche.

I “Precursori” sono anche il titolo del ciclo di incontri che il  Forum per i beni comuni e l’economia solidale del Friuli Venezia Giulia, il collaborazione con il nodo regionale dell’Associazione per la decrescita sta tenendo in diverse località della nostra regione.

 

 

A chi è rivolta questa iniziativa?

Su proposta del Forum, la Regione ha approvato la LR 4/2017 “Norme per la valorizzazione e promozione delle’economia solidale”.

Con questa iniziativa intendiamo offrire alle persone interessate, le basi teoriche su poggiano i percorsi esperienziali necessari a promuovere Comunità territoriali e filiere produttive di economia solidale, così come previsto dalla stessa Legge regionale.

Ognuno degli incontri programmati prevede, prima del Convegno annuciato, la tenuta di una comunicazione allo scopo di presentare i contenuti della citata legge regionale e invitare i partecipanti a diventare promotori della stessa norma.

 

 

Share
Mar
19
Mar
IVAN ILLICH, Una voce fuori dal coro @ Antico Caffè S. Marco
Mar 19@19:00–21:15

 

IVAN ILLICH, Una voce fuori dal coro.

a Trieste presso Antico Caffè S. Marco ore 19.00 il 19 Marzo 2019

Relatore Aldo Zanchetta   – Laureato in ingegneria chimica ha operato per 20 anni nel settore farmaceutico mettendo a punto tecnologie innovative a protezione degli operatori e dell’ambiente. Dal 1995 al 2009 si è dedicato alla conoscenza del mondo indigeno latinoamericano ed ha coordinato per 6 anni il lavoro della Scuola per la Pace della Provincia di Lucca. In questo contesto ha conosciuto Ivan Illich, organizzando quella che sarebbe stata l’ultima sua conferenza pubblica. Nel 2003 e nel 2004 ha coordinato due seminari in sua memoria cui hanno partecipato alcuni dei suoi principali collaboratori.

Ivan Illich (1926-2002) è stato uno dei pensatori più originali e meno ideologici del secondo Novecento e uno dei primi a formulare una critica radicale dell’esistente che oggi si rivela quanto mai attuale, soprattutto nel suo attacco frontale all’idea di sviluppo e progresso.

“Un profeta, diceva Illich, non è colui che possiede la sfera di cristallo, ma colui che sa leggere correttamente il presente e scoprire le sue linee di forza più profonde. Illich anticipò con stupefacente lucidità l’odierno disastro, la decadenza di tutte le istituzioni, e previde anche i modi in cui la gente avrebbe reagito davanti al disastro.

per info

Tiziana Cimolino

3287908116

 

Share