Agenda

Agenda degli eventi del Forum

Share
Set
29
Dom
Niente di Nuovo – Mercatino del riuso @ Progetto Gaia Terra
Set 29@10:00–18:00

Non è necessario iscriversi – evento a rifiuti 0

Il mercatino è pensato per il grande dono di oggetti ma anche di idee e di buone pratiche, per quello ci sono tanti stimoli per l’autoproduzione !

Se decidi di portare oggetti o vestiario, assicurati che sia tutto in ottimo stato, a fine giornata quello che non sarà stato preso tornerà a casa con te !

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

10.00 accoglienza ospiti e inizio mercatino del dono

10.30 Women International: Onlus che si occupa di una comunità nel sud del Tamil Nadu (India), con particolare attenzione alle pari opportunità e alla formazione di donne e bambini. https://womeninternationalwiiw.wordpress.com/

11.15 Sabrina D’Amato: Reiki master disponibile per trattamenti individuali e di gruppo con la Ginnastica Posturale Dinamica (GiPoDin)

12.00 Ilaria Antoniali, chef vegan crudista, impegnata in campo ambientale e nella promozione dell’economia solidale ci insegnerà ci insegnerà a preparare sfiziosissimi prodotti crudisti

13.00 pausa buffet bio-vegan organizzato da Gaia Terra

14.30 Breve giro per Gaia Terra

15.30 Eleonora Romano: si occupa di agricoltura naturale e come obbiettivo ha l’autosufficienza, appassionata di fermentazione: ci introdurrà nel mondo delle fermentazioni che ognuno di noi può fare a casa.

16.30 Lo Spazio Gioco si presenta con poche parole e invita tutti, grandi e piccoli, a partecipare a…

IMPARARE O DISIMPARARE? L’arte di uscire fuori dalla scatola di ciò che crediamo “normale” con Raffaella Cataldo (www.disimparando.com)

Lo Spazio Gioco sarà aperto dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:00 in rotta verso evoluzioni del paradigma educativo attuale nella valorizzazione di creatività, fantasia, gioco libero e cooperativo.

Share
Ott
6
Dom
Draga in Festa @ Draga Sant'Elia
Ott 6@10:00–18:00

Dopo il crescente successo delle passate edizioni, anche nel 2019  Bioest, assieme alle associazioni del territorio, l’evento promozionale a ingresso libero “Draga in Festa”, agricoltura sostenibile, alimentazione, ambiente. L’obiettivo di quella che si configura come una vera e propria festa è quello di avvicinare e sensibilizzare le persone di tutte le età sulla realtà costituita da Draga S. Elia, bellissimo borgo del Carso Triestino, aprendo non solo le porte delle fattorie e delle case private, ma coinvolgendole pure in attività ed escursioni finalizzate alla conoscenza della fauna e della flora, vere ricchezze del territorio e dei suoi abitanti. L’evento coinvolgerà tutto il paese attraverso l’apertura delle abitazioni private dei cittadini che vorranno partecipare offrendo i loro prodotti o illustrando attività di artigianato. Lo spirito dell’iniziativa è infatti quello della convivialità e della condivisione, arricchite da un’attività ludica e informativa curata dalle associazioni operanti sul territorio e con il prezioso contributo dei volontari di Arci Servizio Civile.

Share
Ott
12
Sab
Diritti in Festa @ Parco del Torre
Ott 12@10:30–23:15

Tutte le persone li hanno, ma non tutti lo sanno.
Sono con noi fin dalla nascita, cambiano, evolvono… ma non ci abbandonano mai.
Vanno difesi, ma sono la cosa più potente che abbiamo.
Cosa sono?
I diritti!

Ospiti in Arrivo, associazione che dal 2015 si occupa della prima accoglienza dei richiedenti
protezione internazionale giunti a Udine, ha voluto dar vita a un festival che li mette al centro, ne parla e li valorizza.
Perché non dare mai per scontati i diritti è quanto mai necessario.
Ospiti in Arrivo ha organizzato, insieme ad altre associazioni amiche, la prima edizione di “Diritti in Festa”, un’intera giornata per ribadire che i diritti dovrebbero essere considerati acquisiti da tutti e che nel 2019 non si fa ancora abbastanza per trasformare quel condizionale in un tempo presente.

Il 12 ottobre, nel parco di Salt di Povoletto, saranno allestiti due palchi: uno dedicato alla musica e uno ai dibattiti e agli incontri che prenderanno il via fin dal mattino.
Ci saranno stand riservati alle diverse associazioni, uno spazio dedicato ai bimbi e chioschi gastronomici aperti tutto il giorno, senza dimenticare sostenibilità e menù vegetariani.

Il festival avrà due momenti, uno di parola con incontri su varie tematiche, i diritti appunto, civili, umani e sociali, e una seconda parte dove sarà la musica a parlare, con concerti dal pomeriggio fino alla sera.
.
Laboratori per bambini, musica e incontri a partire dalle 11:00 per tutta la giornata

Entrata gratuita!
Il programma:

10:30
Balkan route | Solidarietà e diritti negati
Dai Balcani a Ventimiglia
Intervengono:
Paola Tracogna – Ospiti in Arrivo
Bruno Alvarez Conteras: – No Name Kitchen
Info Kolpa Slovenia
Giuseppe Lione – Progetto 20K Ventimiglia
Micol Sperandio – Carovana Artistica

Modera: Giancarlo Capozzoli – giornalista

11:45
Balkan route | Solidarietà e diritti negati
Racconti, ricerche e testimonianze
Intervengono:
Valerio Cataldi – reporter rai presidente Associazione Carta di Roma
Nidzara Ahmetasevic – giornalista e ricercatricebosniaca
Barbara Matejcic – giornalista freelance croata

Modera: Anna Piuzzi – giornalista

13:30
L’accoglienza in FVG e l’esperienza del Centro Balducci
Interviene:
Pierluigi di Piazza

14:30
Caporalato
Dignità negata, schiavi moderni
Introduzione: Francesco Cautero – Libera Udine
Intervengono:
Sara Manisera – giornalista indipendente
Marco Omizzolo – giornalista, sociologo
Daniela Mannu

Modera: Fabio Folisi – giornalista

16.00 – 16.45
Concerto con
Rebi Rivale

17.00 – 18.30
Mediterranea
La porta d’europa: il mediterraneo
Intervengono:
Nello Scavo – giornalista Avvenire
Walter Massa – coordinatore Arci nazionale commissione diritti dei migranti e richiedenti d’asilo politiche antirazziste
Mario Pozzan – attivista Mediterranea Saving Humans rescue team

Modera: Anna Dazzan – giornalista

Dalle 18:30 musica dal vivo:

Guido Carrarra
Rive No Tocje
Pai Benni & conjunto regional de samba
Playa Desnuda

Interverranno per raccontare la loro esperienza i volontari di Baobab Experience e Welcome Refugees – veneto

Laboratori per bambini dalle 11.00 alle 12.30 e dalle 17.00 alle 18.30 con Damatrà e Get Up¡

durante tutta la giornata
chioschi a cura di Circolo Cas’Aupa , Buca del Castello, Mamm

Share
Ott
14
Lun
Natura, clima, acqua come beni comuni nella prospettiva dell’unione europea @ Aula Magna Università polo di Gorizia
Ott 14@14:00–18:00

NATURA, CLIMA, ACQUA COME BENI COMUNI NELLA PROSPETTIVA DELL’UNIONE EUROPEA

Lunedì 14 ottobre 2019, ore 14.00

Aula Magna Polo Universitario di Gorizia, Via Alviano 18

Il dibattito teorico sui beni comuni è prosperato negli ultimi anni In parallelo si osserva la diffusione di iniziative della società civile orientate alla gestione sostenibile e alla fruizione collettiva dei commons nonché il riconoscimento giuridico dei beni comuni da parte di alcuni ordinamenti, in particolare dell’area latino americana.

Il presente seminario schiude la discussione su un contesto finora trascurato, l’Unione europea, con l’intento di individuare le azioni promosse in relazione a natura, clima e acqua in questa sfera geo giuridica I lavori si articolano a partire da ciò che si intende con l’espressione beni comuni e dalle problematiche sottese al Green New Deal per poi approfondire aspetti riguardanti la tutela della natura, le strategie per la stabilità climatica, la questione del diritto all’acqua.

Il seminario, organizzato dal Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università degli Studi di Trieste, ricade nell’ambito del progetto “Environmental Sustainability in Europe a socio legal perspective EnSuEu” co-finanziato dall’Unione europea tramite le azioni Moduli Jean Monnet (resp. scient. prof.ssa Serena Baldin).

 

Programma:

Ore 14.00 Registrazione dei partecipanti

Ore 14.10 Presentazione del Seminario

Prof.ssa SERENA BALDIN Coordinatrice del Modulo Jean Monnet EnSuEu

Indirizzi di saluto

prof DIEGO ABENANTE Coordinatore dei corsi di laurea SID e DIC dell’Università degli Studi di Trieste

dott.ssa TIZIANA CIMOLINO Forum dei Beni Comuni ed Economia Solidale del FVG

avv. GIANNA DI DANIELI Associazione degli Avvocati Amministrativisti del FVG

 

Ore 14.30 Relazioni

Presiede MORENO ZAGO prof associato di Sociologia dell’Ambiente e del Territorio nell’Università degli Studi di Trieste

LUIGI PELLIZZONI, prof. ordinario di Sociologia dell’Ambiente e del Territorio nell’Università degli Studi di Pisa

Commons, commoning e Green New Deal: beni comuni e critica al capitalismo

SILVIA BAGNI, ricercatrice di Diritto pubblico comparato nell’Università degli Studi di Bologna

Ritorno al passato: ricreare l’armonia con la natura apprendendo dalle nostre tradizioni

SERENA BALDIN, prof.ssa associata di Diritto pubblico comparato nell’Università degli Studi di Trieste

La conservazione della biodiversità nell’Unione europea: la rete Natura 2000

ROBERTO LOUVIN, prof. associato di Diritto pubblico comparato nell’Università degli Studi di Trieste

La stabilità climatica come bene comune: quali strategie per l’Unione europea?

JUAN JOSÉ RUIZ RUIZ, prof. associato di Diritto costituzionale nell’Università di Jaén

L’iniziativa Right2Water: il diritto umano all’acqua nell’Unione europea fra sostenibilità sociale, gruppi vulnerabili ed esclusione del profitto nella gestione.

 

L’evento è aperto al pubblico. È gradita cortese registrazione entro il giorno 13 ottobre 2019 al link:

https://docs.google.com/forms/d/1YCml5vW8M7dFHDH2iO9R0HV08Gri-A2oMUfMJG-…

L’Ordine degli Avvocati di Gorizia ha deliberato il riconoscimento di nr. 3 crediti formativi in materia non obbligatoria.

 

Segreteria scientifica:

Serena Baldin serena.baldin@dispes.units.it

Moreno Zago moreno.zago@dispes.units.it

 

Share
Ott
18
Ven
Compleanno di Gaia Terra! @ Progetto Gaia Terra
Ott 18@17:00–20:00

 

Festeggiamo due anni dalla firma d’acquisto! Siete tutti invitati! Potete venire liberamente senza prenotare, portando qualcosa da condividere per la cena. Ci trovate dalle 17 in poi. Celebriamo assieme con canti, balli e storie, racconteremo aneddoti degni di nota di quest’anno trascorso assieme a tanti di voi che ci supportate. Questo è un modo per ringraziarvi e stare assieme.

Il taglio della torta alle 21!

Siamo vegani e mangiamo cibo biologico, aiutateci a non creare rifiuti portando cose usa e getta.
Evento a rifiuti zero! Gaia Terra ha stoviglie per tutti. Non portate pietanze in contenitori di alluminio, sono neurotossici.

Share
Nov
2
Sab
Cooperare per vivere @ Sala Soggiorno Alpino “Aquileia”
Nov 2@17:00–19:00

“Cooperare per vivere”, nella storia di Collina
Appuntamento nella frazione di Forni Avoltri per la presentazione del docufilm sui pionieri della cooperazione in Friuli

Per raccontare la storia e l’evoluzione della cooperazione in Friuli VG, non si può non partire da Collina di Forni Avoltri. Ed è proprio qui, infatti, che sono state girate le prime immagini del docufilm “Cooperare per vivere” realizzato da Confcooperative Udine, in occasione dei 140 anni della fondazione della Latteria Sociale Turnaria e dai 100 anni dalla nascita dell’organizzazione italiana. Proprio nei luoghi dove il maestro Eugenio Caneva (1842-1918), nell’ottobre del 1880, diede vita alla prima cooperativa della regione e, in particolare, alla prima Latteria Turnaria del Friuli VG e dell’Italia.
Presso la sala Soggiorno Alpino “Aquileia” (in via della Chiesa), dunque, sabato 2 novembre, alle ore 17.00 (in collaborazione con il Circolo Culturale Caneva e il Consorzio Privato di Collina e con il patrocinio del Comune di Forni Avoltri), dopo i saluti delle autorità e la riflessione di Luca Caneva (“Un maestro prestato (anche) alla zootecnia”), ci sarà, in anteprima regionale, la proiezione del docufilm (della durata di circa 25 minuti), nel quale si racconta la nascita della cooperazione regionale figlia del pensiero e dell’azione di uomini speciali come Eugenio Caneva di Collina, monsignor Fotunato de Santa (1862-1938) di Forni di Sopra e Vittorio Cella (1882-1938) di Verzegnis. La presentazione sarà a cura del giornalista Adriano Del Fabro.
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Al termine dell’incontro è previsto un momento conviviale.

Share
Nov
7
Gio
Un nuovo mondo è possibile! @ Vari Luoghi
Nov 7@20:30–Nov 9@22:45

Un nuovo mondo è possibile!

La strada tracciata da Thomas Sankara

Tre serate speciali col film-documentario

“….. e quel giorno uccisero la felicità”

Ad ogni proiezione sarà presente il regista e giornalista Silvestro Montanaro (seguirà dibattito)

Giovedì 7 novembre ore 20:30
Centro Ernesto Balducci – Piazza della Chiesa 1 Zugliano

Venerdì 8 novembre ore 18:30
Biblioteca dell’Africa – Via Romeo Battistig 48 Udine

Sabato 9 novembre ore 18:30
Sala Parrocchiale del Gesù Buon Pastore – Via Riccardo Di Giusto 74 Udine

Il documentario (2013 – 54’) racconta del pensiero politico di Thomas Sankara, giovane e straordinario presidente del Burkina Faso, uno dei paesi più poveri del mondo. Venne ucciso perché sosteneva che la politica deve essere al servizio delle persone e non arricchimento personale, perché sosteneva le ragioni degli ultimi, dei “diversi”, delle donne, denunciando lo strapotere criminale della grande finanza. Venne messo a tacere perché irrise le regole di un mondo fondato sulla competitività che umilia chi lavora e arricchisce i burattinai.

Una iniziativa di:
GIT di Udine di Banca Etica, Time for Africa, Hemp Revolution e Centro di Accoglienza Ernesto Balducci

In collaborazione con:
AIAB FVG, ARCI Udine, Greenpeace Udine, CGIL Udine, CeVI, Libera Udine, Stop TTIP-CETA, Oikos Onlus, Distretto Economia Solidale Pan e Farine dal Friul di Miec, Aurora Udine Est, Legambiente Udine e Istituto Jaques Maritain

Per informazioni:
David Antonutti t. 3281511267
Ugo Rossi t. 3453395779
Umberto Marin t. 3489130020

Share
Nov
21
Gio
Festa dell’albero 2019 @ Parco Farneto (Boschetto)
Nov 21@15:00–16:30
INVITO Festa dell’Albero
Legambiente Trieste
Programma
21 Novembre 2019
PIAZZALE GIOBERTI
Ore 15 piantumazione di uno dei venti alberi donati dall’ associazione il Ponte al rione di S Giovanni
ore 15.10 allegro girotondo dei bambini della scuola dell ‘infanzia Finzi Grego
ore 15.20 lettura del messaggio amico albero amico di vita da parte delle classi v della scuola primaria Suvic
ore 15.30 letture sotto l’albero a cura dell’associazione l’una e l’altra per raccontare la storia e l’importanza degli alberi
25 Novembre 2019
PARCO FARNETO – AREA GIOCHI PIAZZALE
FERDINANDEO
ore 9.30 messa a dimora di 10 piccoli alberi donati dal Circolo Legambiente Trieste, a seguire, passeggiata botanica in Parco Farneto (Boschetto) e Giardino Pubblico Muzio de Tommasini, con la partecipazione degli studenti dell’Istituto Statale Deledda Fabiani.
Festa dell’Albero
Legambiente Trieste
in collaborazione con la 6^Circoscrizione
 Portiamo verde e bellezza nelle città piantando nuovi alberi. Nei giardini delle scuole, nei parchi pubblici, nelle aree abbandonate al degrado”.
Questo l’appello di Legambiente in occasione della Festa dell’Albero 2019 che si svolgerà anche a Trieste come ogni anno il 21 novembre. Sono previsti piantumazioni al Boschetto e in Piazzale Gioberti e Girotondo con i bambini delle scuole
Ogni anno il 21 novembre si celebrano gli alberi e il loro indispensabile contributo alla vita. Assorbono anidride carbonica e restituiscono ossigeno, proteggono la biodiversità, hanno un ruolo fondamentale nella prevenzione del dissesto idrogeologico. Insieme ai giovani e giovanissimi studenti delle scuole italiane mettiamo a dimora giovani alberi per riqualificare aree degradate e per fare più belle e verdi le nostre città.
Questo l’appello lanciato a livello nazionale da Legambiente che a Trieste attraverso la propria sezione locale promuove – in collaborazione con la VI Circoscrizione – il consueto incontro, assieme ad alcune altre associazioni del territorio sensibili al problema ambientale: Legambiente Trieste, BIOEST, Il Ponte, Proloco San Giovanni Cologna, Luna e L’altra .
Nel pomeriggio del 21 novembre alle ore 15, in Piazzale Gioberti verrà messa a dimora una decina di piante in una piazza che da anni ha conosciuto solo asfaltature donate dall’associazione il Ponte . Un piccolo segnale per ricordare a tutti l’importanza degli alberi nel paesaggio urbano, soprattutto in tempi di cambiamenti climatici che rendono le nostre città sempre più calde e afose.
All’appuntamento Interverrà il gruppo Luna e L’altra con letture sotto l’albero e per festeggiare i nuovi alberi, i bambini delle scuole materne di S Giovanni li cingeranno in un allegro girotondo.
Al mattino del 25 novembre alle ore 9.30 ,nel “Boschetto” di Trieste i volontari di Legambiente assieme ai ragazzi delle scuole primarie piantumeranno qualche decina di alberi in sostituzione di quelli abbattuti negli scorsi anni con la collaborazione del Settore del Verde Pubblico del Comune di Trieste.
Share
Nov
22
Ven
Parliamo di Clima @ Sede Ass. Musicale S. Gaggia
Nov 22@20:30–22:00

 

COME CONTRASTARE LA CRISI CLIMATICA E ADATTARSI A QUELLO CHE CI ASPETTA

con particolare riguardo al Friuli Venezia Giulia

ne parleremo con ROBERTO PIZZUTTI

La serata si aprirà con qualche breve filmato o slide come introduzione

Share
Nov
29
Ven
4° Sciopero Globale per il Futuro – Trieste @ Piazza Goldoni
Nov 29@15:00–19:00

QUARTO SCIOPERO GLOBALE PER IL FUTURO

Venerdì 29 novembre ci troviamo in piazza per il 4° Sciopero Globale per il Futuro!

PROGRAMMA:

Ore 15 ~ Piazza Goldoni  Partenza del corteo

Ore 17 ~ Piazza Unità Facciamo luce sulla Crisi Climatica. Portiamo tutt* una candela da accendere in piazza!

Ore 18 ~ Piazza Cavana Musica per la giustizia climatica. Dj-set organizzato assieme a Link Trieste.

PERCHÈ SCENDIAMO IN PIAZZA?

Fridays For Future è un movimento globale di attiviste ed attivisti che lotta affinché i potenti della Terra prendano misure concrete per impedire il disastro climatico. Durante la propria breve esistenza il movimento ha collezionato, a livello sia globale che locale, alcune importanti vittorie, tra cui la Dichiarazione di Emergenza Climatica, Ambientale, Ecologica e delle Biodiversità da parte della Regione FVG, e ha dato vita a manifestazioni che hanno portato in piazza milioni di giovani. Molto però è ancora il lavoro da fare per mitigare gli effetti della crisi climatica che stiamo già vivendo e si sta continuamente intensificando (come testimoniato ad esempio dall’alta marea eccezionale che ha recentemente colpito Venezia, Trieste ed altri territori). Purtroppo il tempo è poco: secondo l’ultimo rapporto IPCC, per contenere l’aumento della temperatura media globale entro 1.5°C dall’era pre-industriale è necessario dimezzare le emissioni globali di anidride carbonica entro il 2030 ed azzerarle entro il 2050. Nonostante l’urgenza con cui la crisi climatica andrebbe affrontata, governi ed istituzioni non si sono ancora dimostrati capaci di mettere in atto misure adeguate.

Per questo motivo, torneremo in piazza venerdì 29 novembre. Alle istituzioni mondiali, nazionali, regionali e locali chiediamo:

Di mettere in atto tutte le misure necessarie per contenere l’incremento della temperatura media globale entro 1.5°C rispetto all’era pre-industriale.

Di rendere gratuito il trasporto pubblico su ruote e rotaia, per ridurre le emissioni di CO2 e lo smog, che danneggia la salute dei cittadini.

Di bloccare il consumo di suolo, impedendo ulteriori espansioni urbanistiche per concentrarsi invece sulla riqualifica dell’esistente.

Di provvedere al rimboschimento delle aree lasciate al degrado, oltre che alla tutela ed all’incremento del verde urbano, avvalendosi del contributo di botanici e zoologi.

Di promuovere lo sviluppo di un nuovo modello di produzione agricola sostenibile che favorisca il mantenimento della biodiversità e che eviti l’estinzione di specie animali e vegetali.

Di far pagare economicamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ed ambientali alle grandi aziende che hanno tratto profitto dalla distruzione dell’ambiente e del clima, tutelando invece i lavoratori e le fasce più deboli della popolazione.

Di impegnarsi nell’eliminazione delle plastiche monouso.

Di promuovere un’informazione scientificamente accurata di tutta la popolazione riguardo alle problematiche riguardanti la crisi climatica ed ambientale che stiamo vivendo.

Di dichiarare l’emergenza climatica, un’azione simbolica a cui devono assolutamente seguire misure concrete, immediate ed adeguate. Al fine di sensibilizzare anche i più giovani, chiediamo anche alle scuole ed alle università di dichiarare l’emergenza climatica e di mettere in atto misure atte a ridurre il proprio impatto ambientale.

Molte di queste richieste sono state accolte dalle istituzioni che hanno dichiarato lo stato di emergenza climatica, ma spesso queste dichiarazioni si sono rivelate un mero strumento di «green washing». Scendiamo in piazza quindi anche e soprattutto per chiedere il rispetto degli accordi già presi e per far capire ai politici che garantire un futuro al nostro pianeta è la più grande sfida del nostro tempo, e non soltanto un tema per le prossime campagne elettorali

Share