Agenda

Agenda degli eventi del Forum

Share
Mar
27
Ven
Pesticidi: i rischi per la salute dei bambini @ Sala ENAL
Mar 27@20:30–23:00


Con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Azzano Decimo, il gruppo “No Pesticidi Azzano Decimo” organizza e Vi invita, il giorno venerdì 27 marzo alle ore 20.45, alla conferenza:
“Pesticidi: i rischi per la salute dei bambini. Come l’agricoltura bio e i nostri acquisti possono tutelare ambiente e salute.”

La serata si aprirà con i saluti del Sindaco di Azzano Decimo dott. ing. Marco Putto, e del Consigliere alle politiche agricole dott. Mauro Pezzutti, che introdurrà gli interventi seguenti.

I due relatori iniziali saranno il dott. Gustavo Mazzi, presidente ISDE – Associazione Italiana Medici per l’Ambiente – sez. di Pordenone, e la pediatra dott.ssa Laura Brusadin, che fa parte dell’Associazione Culturale Pediatri: parleranno rispettivamente dei pesticidi come criticità per l’ambiente e come interferenti endocrini, e degli effetti dell’esposizione cronica a pesticidi sulla salute dei bambini.

Osservati gli aspetti critici legati all’utilizzo diffuso di pesticidi, e potenziali effetti su soggetti sensibili, vulnerabili e indifesi, si proporranno alcune possibili soluzioni, valutando anche quanto le scelte di noi consumatori finali possano influire direttamente sul commercio, sui metodi di produzione e di sfruttamento del territorio.

Ci saranno quindi le preziose testimonianze di Daniele Piccinin, Presidente del Biodistretto di Venezia, e della dott.ssa Cristina Micheloni, Presidente di AIAB FVG (Associazione Italiana Agricoltura Biologica), che parleranno di un modello di agricoltura sostenibile e compatibile con il nostro territorio, evidenziandone i vantaggi, in termini di qualità di prodotto, qualità percepita dal consumatore, ed anche quali sono le difficoltà che ad oggi si incontrano, dal punto di vista produttivo e burocratico.

Il Consigliere alle politiche agricole dott. Mauro Pezzutti, e l’Assessore al Commercio Industria e Artigianato dott. Enrico Guin, promuoveranno la qualità dei prodotti locali del mercato agricolo km 0 di Azzano Decimo, iniziativa che, ogni mercoledì, aiuta i cittadini a scegliere un’alimentazione in modo consapevole, in armonia con i produttori e agricoltori locali, aiutando a proteggere la salute di tutti e la biodiversità del territorio.

Vi invitiamo volentieri ad assistere alla serata e ad estendere l’invito a Autorità locali, Enti, Associazioni, Gruppi, che possano essere interessati all’evento: sarà una serata sicuramente interessante, ricca di spunti di riflessione su un tema che anche in Friuli Venezia Giulia sta riscuotendo sempre più attenzione.

Share
Giu
22
Lun
Sabrina Giannini presenta “La rivoluzione nel piatto” @ Evento online
Giu 22@21:00–22:45

Siamo felici di annunciare la presentazione in diretta web del libro  La rivoluzione nel piatto (Sperling & Kupfer) di  Sabrina Giannini , giornalista tra le più coraggiose e indipendenti del panorama televisivo italiano, autrice pluripremiata di molte inchieste di Report e di Indovina Chi Viene A Cena.

Lunedì 22 giugno 2020 alle 21:00

Il pubblico potrà intervenire in diretta con domande all’autrice attraverso i commenti online.
Moderatore: Enrico Chisari.

LA RIVOLUZIONE NEL PIATTO
Che cosa portiamo in tavola? Che cosa non sappiamo, non ci dicono, ci nascondono? Sabrina Giannini svela verità e bugie e ci dà gli strumenti per avviare una vera e propria rivoluzione attraverso le nostre scelte.

La presentazione è organizzata da  LAC – Lega per l’Abolizione della CacciaTerraè – officina della sostenibilità

Diretta YouTube: youtu.be/FbYJkTOQ85g

Share
Ott
1
Gio
28^ Convegno del Centro Balducci 1-4 Ottobre 2020 OSARE PER PROGETTARE IL FUTURO
Ott 1@17:30–Ott 4@18:00
OSARE PER PROGETTARE IL FUTURO
Salute – Lavoro – Giustizia – Lo sguardo dei giovani
28° convegno del Centro Balducci
da giovedì 1 a domenica 4 ottobre 2020

Il Centro Balducci, con la proposta di questo 28° Convegno, continua a mantenere fede all’impegno assunto nel settembre 1992 di rapportare l’accoglienza delle persone migranti alla promozione culturale intesa nel significato antropologico che unisce le comunità locali a quella planetaria e affronta le grandi e permanenti questioni dell’umanità: giustizia, diritti umani, pace, salvaguardia della casa comune.
Il prossimo convegno, per motivi contingenti, viene posticipato ai primi giorni di ottobre e, per la situazione presente, è meno articolato ma speriamo ugualmente significativo.
A seguito della pandemia ci è sembrato importante proporre la riflessione su alcune questioni permanenti che l’esperienza drammatica vissuta (e ancora in atto in alcuni paesi) ha maggiormente evidenziato, accrescendone la problematicità.
L’esperienza così vasta e dolorosa di malattia, sofferenza e morte interpella profondamente su come operare tutto il possibile per rendere umane queste situazioni; sollecita ad un impegno per una sanità pubblica diffusa nei territori come presenza di prevenzione e di cura, in rapporto con gli ospedali.
Il problema del lavoro è fondamentale e strutturale per la società nelle comunità locali e in quella planetaria. La nostra Costituzione definisce il nostro Paese: “Una Repubblica democratica fondata sul lavoro” e così relaziona in modo inscindibile la dignità delle persone e il lavoro.
Si aprono grandi quesiti sulle lavoratrici e i lavoratori; sui luoghi e sulle modalità del lavoro; sulle possibilità per le giovani generazioni; sulle gravissime e permanenti piaghe del lavoro sfruttato con la riduzione in schiavitù, di quello in nero. Resta sempre aperto il grande tema del rapporto fra sicurezza, salute e lavoro.
L’avversione all’altro diverso, in particolare ai migranti, è un modo di pensare ed agire che portano al razzismo: dagli Usa all’Europa, all’Italia, al Friuli Venezia Giulia.
Aspetti culturali, sociali, etici, economici, politici si intrecciano. Una cultura, un’etica e una politica nuove sono urgenti e indispensabili per affrontare una questione planetaria.
I giovani e la scuola sono una questione permanente che la pandemia ha evidenziato e sulla quale le incertezze sono tante e preoccupanti: il Convegno non ne farà un “oggetto” di indagine e di analisi ma proporrà i giovani come protagonisti e costruttori di pace nella mattinata del 4 ottobre.
Trovate su questo dépliant e sul sito del Centro Balducci tutte le informazioni sulle modalità di partecipazione. Siamo chiamati a disponibilità e attenzione particolari per la salvaguardia della salute di tutti.
Vi aspettiamo con fiducia. Grazie!
Con i saluti più cordiali
Share